simbolo cristianesimo simbolo cristianesimo
Cristianesimo

Religione a carattere universalistico fondata sull'insegnamento di Gesù Cristo trasmesso attraverso la letteratura neo-testamentaria. È tra le maggiori religioni, con circa 2, 2 miliardi di fedeli in tutto il mondo. Le maggiori confessioni del cristianesimo sono:
La Chiesa Cattolica Romana nel Simbolo apostolico, cioÈ il Credo, si professa "una, santa, cattolica e apostolica". È governata dal Papa, in qualità di vescovo di Roma, successore di Pietro, e dai vescovi in comunione con lui. www.vatican.va
Ortodossia. Una comunione di Chiese cristiane autocefale, erede della cristianità dell'Impero Bizantino, che riconosce un primato d'onore al Patriarca Ecumenico di Costantinopoli (Istanbul). In Italia ci sono tre grandi gruppi affiliati a diversi Patriarcati: La sacra Diocesi ortodossa d'Italia, La Diocesi rumena d'Italia, la comunità legata al Patriarcato di Mosca.
Protestantesimo. Il termine comprende le Chiese che dichiarano un rapporto diretto con la riforma protestante del XVI secolo, sia nella sua espressione luterana che in quella calvinista e, sia pure con una propria fisionomia, anglicana. In Italia questa famiglia confessionale È rappresentata dalla Chiesa Valdese (Unione delle Chiese Metodiste e Valdesi), dall'Unione cristiana evangelica battista d'Italia, dalla Chiesa Evangelica Luterana. Inoltre sono presenti anche Chiese Avventiste e l' Esercito della Salvezza.
Il Movimento Valdese (oggi Chiesa Evangelica Valdese), nasce verso il 1175 in Francia, per opera di un mercante di Lione, Valdés,che decide di lasciare la propria ricchezza ai poveri e vivere in povertà, predicando l'Evangelo al popolo. Nel 1532 verrà sottoscritta l'adesione alla Riforma protestante.
L'Anglicanesimo ebbe origine nel XVI secolo con la separazione della Chiesa Anglicana dalla Chiesa Cattolica durante il regno di Enrico VIII. La Chiesa Anglicana ha giocato un ruolo propulsivo nel movimento ecumenico e nel dialogo interreligioso, comune ormai a tutta la cristianità

MAI PIÙ!

Roma Capitale con il supporto di Religions for Peace Italia ODV ha avviato un'indagine conoscitiva sulla percezione odierna relativa al rastrellamento degli Ebrei del 16 ottobre 1943 e sull'importanza del "Viaggio della Memoria.
Vi invitiamo a partecipare al questionario cliccando su

Compila il questionario

RfP Italia co-partner del progetto europeo per la protezione dei luoghi di preghiera

Luglio 2nd, 2023 by

 

Il 9 maggio 2023, data che segna la Giornata dell’Europa, ovvero l’anniversario della storica dichiarazione per la pace e l’unità in Europa, si è svolto il “Kick-off meeting”, la riunione di inizio attività, del progetto europeo PROTONE – Protecting Places of Worship – che vede tra i suoi partecipanti (denominati “partner organizations”) anche Religions for Peace – Italia. L’incontro tra tutti i partecipanti al progetto, ovvero: Intercultural dialogue platform (IDP, Belgio), Università di Leiden (ULEI,Paesi Bassi), Istituto TEVERE (Italia), FEDACTIO (Belgio), Arco Forum (Spagna), Stiftung Dialog Und Bildung (SDUB, Germania), nonché House of One (Germania), ha avuto luogo a Bruxelles, presso la sala congressi  del NH Brussels EU Berlaymont, a due passi dal Parlamento europeo e dalle istituzioni comunitarie.   

Il discorso d’apertura del coordinatore del Progetto Massimo Ronco, per IDP, ha dato il via all’incontro alla presenza di una rappresentante della Commissione europea di riferimento, seguito da una breve introduzione da parte di ogni organizzazione partner del Progetto. Massimo Ronco ha presentato uno sguardo d’insieme sulle minacce alla sicurezza dei Luoghi di Culto (PoW – Places of Worship) in Europa, con riflessioni sulle fonti dei pericoli per i Luoghi di Culto e minacce alla sicurezza; il loro contesto, sottolineando come una serie di attacchi contro i Luoghi di Culto (violenti e non), unitamente al cambiamento nel modus operandi del terrorismo, abbia determinato la necessità per gli Stati membri dell’UE e la Commissione europea di considerare la protezione dei Luoghi di Culto come una priorità di sicurezza per l’Unione Europea. A riguardo, sono stati evidenziati alcuni casi specifici a livello nazionale, quale il caso della Spagna, che ha visto un allarmante aumento di episodi di intolleranza religiosa nel periodo 2004-2011. 

La Commissione europea ha identificato una serie di buone pratiche in risposta ai crescenti episodi di intolleranza/attacchi/minacce contro i Luoghi di Culto e contro i membri delle rispettive comunità di fede, tra cui iniziative di valutazione e programmazione (valutazione della vulnerabilità); campagne di sensibilizzazione, formazione e cooperazione. E’ stata quindi evidenziata la Prospettiva Umanistica di PROTONE (attenzione all’aspetto umano e sociale rappresentato dalla metodologia di ricerca – etnografica) unitamente all’aspetto innovativo di PROTONE che parte dalla prospettiva del dialogo interreligioso. 

Una sessione è stata dedicata agli organismi partner del Progetto e i loro contributi su prospettive regionali e/o locali con un vivace scambio di esperienze, suggerimenti e riflessioni. A questo è seguito un approfondimento sugli aspetti di gestione finanziaria del Progetto che ha permesso alle organizzazioni partner di avere un quadro più dettagliato sugli aspetti pratici delle iniziative che si svolgeranno nell’arco dei prossimi 24 mesi, ovvero il periodo di programmazione e realizzazione del Progetto Protone. Nella sessione pomeridiana Massimo Ronco ha illustrato i precedenti progetti finanziati dall’UE nel settore, che possono costituire esempi virtuosi. L’incontro è terminato con una sessione sul logo del Progetto, condiviso poi via mail con tutti i partecipanti.