Religions for Peace Europe sugli attacchi terroristici in Francia ed in Austria.

Come tutti gli atti di violenza insensata e disumana, i recenti attacchi ed eccidi perpetrati in Francia ed in Austria sono motivo di una tristezza immensa per i membri del Consiglio  Europeo dei  Leaders Religiosi, per i gruppi nazionali e per tutta la famiglia di Religions for Peace. In primo luogo e soprattutto i nostri pensieri, le nostre preghiere e quanto può essere di supporto vanno a coloro che sono stati direttamente colpiti da tali inconcepibili crimini.

Sebbene rivendicati come eseguiti da seguaci dell’Islam, queste persone non hanno nessuna somiglianza con nostre sorelle e fratelli di fede musulmana con i quali lavoriamo, che conosciamo, dei quali ci fidiamo e che apprezziamo. 

Come unione solidale di tradizioni, leaders e comunità religiose diverse, noi condanniamo incondizionatamente atti barbari e vili perpetrati in nome dell’Islam come di qualunque religione. Noi tutti condividiamo il compito di opporci attraverso mezzi pacifici all’abuso della nostra religione di quella degli altri in nome della violenza.

In momenti come questi viene l’impulso di lanciarsi nella difesa dell’Islam o della religione in generale. Comunque, fare questo potrebbe dare l’idea di una divisione tra persone religiose e persone che non si riconoscono nelle religioni. Seminare divisione ed odio è l’intenzione di questi aggressori ed in tali casi spaventosi non esiste una tale divisione.

La distinzione è solo tra:

  • Coloro che condannano incondizionatamente tali comportamenti brutali ed indifendibili … e coloro che non lo fanno 
  • Coloro che auspicano un mondo di gentilezza e di pace … e coloro che intenzionalmente propagano odio e crudeltà
  • Coloro che credono nel rispetto delle leggi e delle norme sociali delle società nelle quali vivono, incluse la libertà di pensiero e di espressione, cosicché possono coesistere pacificamente con coloro che non condividono il loro credo … e coloro che intendono commettere atti odiosi per provocare, sottomettere ed opprimere gli altri
  • Coloro che credono nella possibilità di risolvere problemi fondamentali e talvolta estremamente dolorosi e difficili attraverso vie rispettose, civili e giuste … e coloro che hanno vedute fuorvianti e distorte che li portano ad immaginare di raggiungere i propri scopi con tali atti barbari.
  • Come membri di Religions for Peace Europe impegnati in una coesistenza pacifica e rispettosa siamo solidali con tutte le persone di ogni religione e di convinzioni non religiose che rigettano questi atti di violenza crudele ed indiscriminata. Tali istanze ci rendono più determinati ad impegnarci con più forza, come religioni che agiscono insieme, ad aiutare a portare pace e comprensione a noi stessi, alle nostre comunità ed a tanti ne hanno bisogno.