Viaggio in Israele secondo lo spirito del dialogo Ebraico-Cristiano (25 febbraio- 5 marzo 2019)

Una possibilità d’incontro, di dialogo, di studio, di riflessione, di informazione, di formazione e di rinnovata cultura.
ISCRIZIONI AL VIAGGIO APERTE SINO AL 21 DICEMBRE 2018.

 

Il viaggio è guidato da:

S.Em. Card. Francesco Coccopalmerio                                                                                                                        Presidente Emerito del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi

Vittorio Robiati Bendaud                                                                                                                                       Coordinatore del Tribunale Rabbinico del Centro-Nord Italia

Giovanni Gazzaneo                                                                                                                                                      Giornalista di “Avvenire” e coordinatore del mensile di arte e itinerari culturali di Avvenire“Luoghi dell’Infinito

1° giorno, domenica 25 febbraio: ITALIA/TEL AVIV

Ritrovo all’ aeroporto di Milano Malpensa disbrigo delle faccende doganali e partenza dall’Italia alla volta di Israele. Arrivo a Tel Aviv, incontro con la guida e cena presso un ristorante caratteristico di ebrei etiopi. Dopo cena, passeggiata serale lungo la Tayeleth (facoltativa), la vivacissima promenade di Tel Aviv. Pernottamento in Hotel.

2° giorno, lunedì 26 febbraio: TEL AVIV

Partenza per la visita a due musei molto particolari, dedicati a due antichissime comunità ebraiche annientate nei loro Paesi d’origine e prosperanti oggi in Israele: quello degli Ebrei Iraqeni (Babylonian Jewish Heritage) e quello degli Ebrei di Libia (Museum of Lybian Jews), entrambi nella cittadina di Or Yehudah. Visita alla caratteristica cittadina di Jaffa, adagiata sul mare, storico porto citato nella Bibbia e impiegato sino a epoche molto recenti. Considerazioni “a due voci” sul Libro di Giona e su un celebre passo qui ambientato degli Atti degli Apostoli, che segna l’inizio della divaricazione tra “chiesa” e “sinagoga”. A Jaffa visita al Peres Peace Center. Ritorno in hotel, cena e pernottamento.

3° giorno, martedì 27 febbraio: TEL AVIV/ RAANANA/ ZIKHRON YA‘AQOV/TZIPPORI/ACCO
Nel procedere alla volta della Galilea sosta al cimitero di Raanana per onorare Rav Giuseppe Laras zl, tra i più importante rabbini e intellettuali italiani del XX secolo, profondamente impegnato nel dialogo-ebraico cristiano. Si prosegue alla volta di Zikhròn Ya‘aqòv (Ramat Hanadiv), dove nel dicembre nel 1882 un gruppo di pionieri ebrei fondò una colonia agricola e vitivinicola. Visita al “First Alyah Museum” e al Museo

Aaronson. I fratelli Aaronson, in particolare la giovane Sarah, si adoperarono per il salvataggio degli Armeni nel corso del Genocidio Armeno nel 1915-16… si tratta di una storia di coraggio, dedizione e sacrificio! Omaggio a Sarah Aaronson presso il cimitero di Zikhron Ya’aqòv. Visita alla cantina Carmel. Visita al parco nazionale archeologico di Zippori (Sepphoris).
Arrivo in serata a Akko, cena e pernottamento.

4° giorno, mercoledì 28 febbraio: ACCO/ROSH HA-NIKRA

Visita all’antica roccaforte crociata di S. Giovanni d’Acri (Akko). La città vecchia è patrimonio UNESCO. Percorso approfondito alla città sotterranea, alla cittadella crociata, alla grande moschea all’Hammam al-Pashah e al Khan al-Umdan, antico caravanserraglio di epoca ottomana. Sosta al confine con il Libano a Rosh ha-Niqrà, con passeggiata all’interno della suggestiva grotta naturale scavata dalle onde all’interno della falesia. Ritorno in Hotel, cena e pernottamento.

Un incredibile connubio di storia, cultura e arte racchiuso nella “Terra Promessa”, ERETZ ISRAEL.

Un viaggio tra fede, presente, passato e futuro; meditando sulla “scommessa” del dialogo Ebraico –

Cristiano. Un omaggio sulle orme di due grandi uomini di fede e di cultura del XX secolo:

il Card. Carlo Maria Martini e il grande Rabbino Giuseppe Laras, ad un anno dalla sua morte,

5° giorno, giovedì 1 marzo: GALILEA/ BETH ALPHA/ SHILOH/ GERUSALEMME

Nel discendere verso Gerusalemme, sosta (se il tempo permette) a Giv’àt Avni, ove sta crescendo la neonata foresta in memoria del Card. Carlo Maria Martini. È un luogo particolarmente suggestivo, con vista mozzafiato. Costeggiando il Giordano, visita, ai piedi delle alture del Gilboa, al bellissimo centro archeologico di Beth Alpha (resti della sinagoga del IV secolo), con i suoi splendidi cicli musivi. Lettura biblica “a due voci” dell’incontro del Re Saul con la strega di Ein Dor e della tragica sconfitta del re.

Arrivo a Gerusalemme, sistemazione in albergo e cena. Dopo cena, visita al Western Wall Tunnel, il tunnel che si dirama tra le profonde fondamenta del Tempio ampliato da Erode il Grande. Visita al Muro Occidentale e momento di silenzio e raccoglimento. Pernottamento a Gerusalemme

6° giorno, venerdì 2 marzo: GERUSALEMME

Partenza per l’ospedale di Hadassa a Ein Karem, con visita delle vetrate di Chagall e successiva visita alloYad va-Shem. Successivamente, si ritorna in Città Vecchia per la Porta di Jaffa, arrivando al Quartiere Armeno. Visita alla Cattedrale Armena di S. Giacomo e, se possibile, al Museo di Arte e Cultura Armena.Momento di memoria del Genocidio Armeno.

Entrata dello Shabbat, il Sabato Ebraico, tradizionalmente chiamato “la sposa mistica” di Israele. Visita e preghiera dell’accoglienza dello Shabbat presso il Tempio Italiano di Gerusalemme, la splendida sinagoga barocca di Conegliano Veneto, trasportata nel ‘900 in Israele da alcuni ebrei italiani.
Cena di Shabbat. Pernottamento a Gerusalemme

7° giorno, sabato 3 marzo: GERUSALEMME
Visita al Monte degli Ulivi, antichissima area cimiteriale ebraica, ove si trova il Getsemani, località in cui Gesù, secondo i Vangeli, si sarebbe ritirato in preghiera prima della sua Passione. Visita al Monte Sion, alla Basilica della Dormizione, al Cenacolo e alla Chiesa di san Pietro in Gallicantu. Si accede alla Città Vecchia dalla antica Porta dei Leoni, per visitare il complesso elegantissimo e di struggente bellezza della chiesa crociata di Sant’Anna. Visita vespertina al Santo Sepolcro (vespri armeni).
Pernottamento a Gerusalemme.

8° giorno, domenica 4 marzo: MASADA

Visita al Museo di Arte Ebraica Italiana a Gerusalemme. Successivamente, visita a Masada e alla Tomba dei Patriarchi a Hebron.
Pernottamento a Gerusalemme

9 giorno, lunedì 5 marzo: GERUSALEMME/TEL AVIV/ITALIA
Visita alla Knesset, il Parlamento dello Stato di Israele, ospitante tre splendidi e celeberrimi arazzi di Marc Chagall. Il tour alla Knesset sarà particolarmente incentrato sul ruolo politico delle donne nella democrazia israeliana. Successiva visita alla Corte Suprema dello Stato di Israele, capolavoro dell’architettura contemporanea, dell’architetta Ada Carmi. Trasferimento in aeroporto in tempo utile per operazioni doganali e rientro in Italia.

ISTORIA VIAGGI

Strada Cardio, 10 – 47899 Serravalle (RSM)
Tel. 0549 909452 saccone.a@istoriaviaggi.com – www.istoriaviaggi.com