Category Archives: Senza categoria

DICHIARAZIONE DEL MOVIMENTO DEI FOCOLARI IN GIORDANIA

 

Noi, Cristiani e Musulmani del Movimento dei Focolari in Giordania, vogliamo esprimere il nostro grande sgomento per quello che sta accadendo in questi giorni e in queste ore in Medio Oriente. In Siria una guerra che dura ormai da più di tre anni sta distruggendo una nazione costringendo milioni di persone a sfollare per sopravvivere.

Il conflitto a Gaza che non risparmia civili e bambini innocenti, mette in rilievo una situazione non risolta tra due popoli e la mancanza di un serio e articolato impegno della comunità internazionale per contribuire a risolverlo. Ultimamente l’avanzata di una milizia di estremisti nel nord Iraq sta seminando il terrore fra appartenenti a religioni diverse, costringendoli a vivere da sfollati nel proprio Paese. Tra questi più di centomila cristiani, da quasi 2000 anni radicati in questa terra, sono stati obbligati a lasciare le proprie case, in mezzo alla notte. Una vera catastrofe! Si aggiunge poi la distruzione deliberata del loro patrimonio religioso e culturale, che è anche patrimonio dell’intera umanità.

Noi siamo impegnati a fare il possibile per alleviare la sofferenza di quelle persone (tante le conosciamo personalmente) anzitutto pregando per loro ma anche raccogliendo fondi per sopperire alle loro necessità più urgenti e aprendo le nostre case per accoglierli se fosse necessario. Allo stesso tempo esortiamo la comunità internazionale ad adoperarsi immediatamente per far sì che queste comunità prese di mira in Iraq possano tornare alle proprie case al più presto!

Condanniamo ogni atto di violenza contro la persona umana! Condanniamo la produzione e la vendita smisurata di armi da guerra, qualsiasi sia l’istituzione che le finanzia, così come tutti coloro che le mettono in mano a gruppi terroristici e sovversivi!

Vogliamo sottolineare, soprattutto per gli avvenimenti in Iraq, che chi compie questi atti abominevoli non ha religione e, se dichiara di averla, non fa altro che sovvertirla. Infatti l’essenza della religione è proprio l’incontro tra Dio, l’uomo e l’intero creato.

Siamo stanchi che la religione venga strumentalizzata allo scopo di dividere l’umanità e per fomentare lo scontro. Siamo indignati con chi – gruppi, persone o Stati – abbiano piani e strategie per dividerci e creare dei ghetti separati in luoghi dove da centinaia di anni si vive fianco a fianco.

Siamo consapevoli che il dialogo tra appartenenti alle comunità cristiane e musulmane non è sempre facile; vogliamo però ricordare che da tempo si stanno facendo sforzi notevoli per colmare le incomprensioni con uno spirito di rispetto reciproco, sapendo che l’unico Dio ha suscitato strade diverse che convergono nella stessa direzione: la misericordia, l’amore, la compassione, e tutte le virtù che Lui solo possiede in pienezza. Lui ci ha creati a Sua immagine per viverle fra noi in armonia perciò vogliamo seguire i Suoi insegnamenti per costruire le nostre società sulla base del pluralismo dove venga rispettato il diritto di ogni cittadino o comunità a professare la propria fede senza costrizione.

La Giordania ha una lunga storia di buona convivenza tra cristiani e musulmani e l’ultima visita di Papa Francesco, invitato dal nostro amato Re Abdallah Ibn Al-Hussein, l’ha ancora di più rinforzata con un grande impulso a lavorare insieme, più intensamente, per il bene della società.

Vogliamo anche noi, Focolari di Giordania, confermare il nostro impegno a lavorare fianco a fianco per costruire una società pacifica e armoniosa, nella difesa della dignità di ogni essere umano – a prescindere dalla convinzione religiosa, dall’etnia, dalle tradizioni – e continuare con più sollecitudine la realizzazione di azioni concrete per promuovere insieme la pace, la fratellanza e la salvaguardia della natura. Siamo certi che agendo così possiamo suscitare il bene e sostenerlo e allargarlo dove è già presente. Siamo fiduciosi e sicuri che il male non potrà mai avere l’ultima parola. La fede in Dio ce lo garantisce così come il saldo rapporto tra noi.

Amman, 13 Agosto 2014.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

(English version)

We, Christians and Muslims of the Focolare Movement in Jordan, wish to express our great  dismay for what has taken place in these days and is continuing at this very moment in the Middle  East. In Syria there is a war that has lasted more than three years, destroying a nation and forcing  millions of people to flee for their lives.

There is the Gaza conflict that does not spare civilians and  innocent children as it highlights an unresolved situation between two peoples, and a serious lack of  articulated commitment from the international community toward resolving it.

There has been the  recent advance of extremist militants in north Iraq, who are spreading terror among several religions,  forcing them to live like displaced people in their own land. Among these displaced people there are  more than a hundred thousand Christians have been rooted in this land for 2000 years. They were  obliged to leave their homes in the middle of the night. It is a true catastrophe! Then there is the  deliberate destruction of their religious and cultural patrimony, which is also the patrimony of all  humanity.

We are committed to do what we can to alleviate the suffering of these people, many of whom we  know personally, first by praying for them but also raising funds to help meet their most urgent  needs; opening our homes to them if necessary. We urge the international community to take action  immediately to ensure that these communities being targeted in Iraq can return to their homes as  soon as possible!

We condemn every act of violence against any human being! We condemn the disproportionate  production and sale of weapons of war, no matter the institution that finances them, as well as all  those who put them in the hands of terrorist and subversive groups!

We wish to underline, especially concerning the events in Iraq, that those who commit these  abominable acts do not have a religion, and if they claim to have one, they do nothing but  undermine it. In fact, the essence of religion is precisely the encounter between God, man and the  entire creation.  We are tired of seeing religion being exploited to create divisions in humanity and foment conflict.

We are outraged with those – groups, persons or States – who have plans and strategies for dividing  and creating separated ghettos in places where people have been living side by side for hundreds of  years.

We are aware that dialogue between members of the Christian and Muslim communities is not  always easy; but we wish to recall that for some time now noteworthy efforts are being made to  calm misunderstandings in a spirit of mutual respect, knowing that the one God has raised different  paths that converge in the same direction: mercy, love, compassion and all those virtues that He  alone possesses in full. He has made us in His own image to live them with one another, and so we  wish to follow His teachings in order to construct our societies on the basis of pluralism where the  right to profess one’s faith without any restrictions is ensured for every citizen and community.

Jordan has a long history of good relations between Christians and Muslims and the recent visit of  Pope Francis, invited by our beloved King Abdallah Ibn Al-Hussein, has strengthened those  relations even more with an impulse to work together, more intensely for the good of society.  The Focolare community of Jordan also wishes to confirm its commitment to work side by side to  build a peaceful and harmonious society, in the defence of every human being – regardless of  religious creed, ethnicity or tradition – and continuing to work for peace, brotherhood and the  protection of nature.

We believe that acting in this way we can bring about good, sustain it and  spread it wherever it is already present. We are certain that evil can never have the last say.  Our faith in God guarantees this, just like the strong relationship among us.”

Amman, August 13, 2014

 

World’s top Muslim leaders condemn attacks on Iraqi Christians

  Two of the leading voices in the Muslim world denounced the persecution of Christians in Iraq, at the hands of extremists proclaiming a caliphate under the name Islamic State.

The most explicit condemnation came from Iyad Ameen Madani, the Secretary General for the Organization of Islamic Cooperation, the group representing 57 countries, and 1.4 billion Muslims.  In a statement, he officially denounced the “forced deportation under the threat of execution” of Christians, calling it a “crime that cannot be tolerated.”

The Secretary General also distanced Islam from the actions of the militant group known as ISIS, saying they “have nothing to do with Islam and its principles that call for justice, kindness, fairness, freedom of faith and coexistence.”

Meanwhile, Turkey’s top cleric, the spiritual successor to the caliphate under the Ottoman Empire, also touched on the topic during a peace conference of Islamic scholars.  In a not-so-veiled swipe at ISIS, Mehmet Gormez declared that “an entity that lacks legal justification has no authority to declare war against a political gathering, any country or community.” He went on to say that Muslims should not be hostile towards “people with different views, values and beliefs, and regard them as enemies.”

Their remarks come at a time when Christian leaders in Iraq have called on Muslim leaders worldwide to denounce the anti-Christian violence in the country. In the past decade, the majority of Iraqi Christians have either fled the country or taken refuge in the autonomous region of Kurdistan.

The declaration of a “caliphate” by Islamist militants in Iraq lacks legitimacy and their death threats to Christians are a danger to civilization, Turkey’s top cleric, the successor to the last caliph’s most senior imam, said.  Islamic State, an armed group formerly allied to al Qaeda that has captured swathes of territory across Iraq, last month declared its leader, Ibrahim al-Baghdadi, “caliph” – the historical title last held by the Turkish Ottoman sultan who ruled much of the Muslim world.

“Such declarations have no legitimacy whatsoever,” Mehmet Gormez, head of the Religious Affairs Directorate, the highest religious authority in Turkey, which, although a majority Muslim country, has been a secular state since the 1920s.  “Since the caliphate was abolished … there have been movements that think they can pull together the Muslim world by re-establishing a caliphate, but they have nothing to do with reality, whether from a political or legal perspective.”

Gormez said death threats against non-Muslims made by the group, formerly known as Islamic State in Iraq and the Levant (ISIL), were hugely damaging. “The statement made against Christians is truly awful. Islamic scholars need to focus on this (because) an inability to peacefully sustain other faiths and cultures heralds the collapse of a civilization,” he told Reuters in an interview.

(Source: Reuters, Rome reports)

Dichiarazione del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso sulla restaurazione del califfato. 12 agosto 2014

Dichiarazione del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso sulla restaurazione del califfato  

Il mondo intero ha assistito stupefatto a quella che è ormai chiamata “la restaurazione del Califfato”, che era stato abolito il  29 ottobre 1923 da Kamal Ataturk, fondatore della Turchia  moderna.

La contestazione di questa restaurazione da parte della maggioranza delle istituzioni religiose e  politiche musulmane non ha impedito ai jihadisti dello “Stato Islamico” di commettere e di continuare a commettere atti criminali indicibili.

Questo Pontificio Consiglio, tutti coloro che sono impegnati nel dialogo interreligioso, i seguaci di tutte le religioni, così come tutti gli uomini e le donne di buona volontà, non possono che denunciare e condannare senza ambiguità queste pratiche indegne dell’uomo :  – il  massacro di persone per il solo motivo della loro appartenenza religiosa;  – l’esecrabile  pratica della decapitazione, della crocifissione e dell’impiccagione di cadaveri nelle piazze pubbliche;  – la scelta imposta ai cristiani e agli Yazidi tra la conversione all’Islam, il pagamento di un  tributo (la jizya) o l’esodo;  – l’espulsione forzata di decine di migliaia di persone, compresi i bambini,  anziani, donne incinte e malati;  – il rapimento di ragazze e di donne appartenenti alle comunità Yazidi e cristiane come bottino di guerra (Sabaya);  – la barbara imposizione della pratica dell’infibulazione;  – la distruzione dei luoghi di culto e dei mausolei cristiani e musulmani;  – l’occupazione forzata o la profanazione di chiese e monasteri;  – la rimozione di crocifissi e di altri simboli religiosi cristiani e di altre comunità religiose;  – la distruzione del patrimonio religioso e culturale cristiano di valore inestimabile;  – la violenza abietta allo scopo di terrorizzare la gente per costringerla ad arrendersi o a fuggire.

Nessuna causa può giustificare tale barbarie e certamente non una religione. Si tratta di una gravissima offesa all’umanità e a Dio che è il Creatore,  come ha spesso detto il Papa Francesco.

D’altra parte non possiamo dimenticare  che cristiani e musulmani hanno vissuto insieme – sia pure  con alti e bassi – nel corso dei secoli, costruendo una cultura della convivialità e  civiltà di cui sono orgogliosi. Del resto, è su questa base che, negli ultimi anni, il dialogo  tra cristiani e musulmani ha continuato e si è approfondito.

La situazione drammatica dei cristiani, degli Yazidi e di  altre comunità religiose numericamente minoritarie in Iraq esige una presa di posizione chiara e coraggiosa  da parte dei responsabili religiosi, soprattutto musulmani, delle persone impegnate nel dialogo interreligioso e di tutte le persone di buona volontà.

Tutti devono unanimemente condannare senza alcuna ambiguità questi crimini e denunciare l’invocazione della religione per giustificarli. Altrimenti quale credibilità avranno le religioni, i loro seguaci e i loro  leader? Quale credibilità potrebbe avere ancora il dialogo interreligioso così pazientemente perseguito negli ultimi anni?  I leader religiosi sono inoltre chiamati ad esercitare la loro influenza sui governanti per la cessazione di questi crimini, la punizione di coloro che li commettono e il ripristino dello  Stato di diritto in tutto il Paese, assicurando il rientro di chi è stato cacciato.

Ricordando la necessità di un’etica nella gestione delle società umane, questi stessi leader religiosi non mancheranno di sottolineare che sostenere, finanziare e armare il terrorismo è  moralmente riprovevole.

Detto questo, il Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso è grato a tutti  coloro che hanno già levato la loro voce per denunciare il terrorismo, in particolare chi usa la religione per giustificarlo.   Uniamo dunque le nostre voci a quella di Papa Francesco: “Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza . La violenza si vince con la pace”.

12 agosto 2014

FERMIAMO L’INAUDITA VIOLENZA DI CHI ABUSA DEL NOME DI DIO PER ATTUARE STRATEGIE DI TERRORE E DI MORTE

E’ difficile credere alle notizie terribili che giungono dall’Iraq, dove i miliziani dell’ISIS/ISIL perseguitano, espellono ed uccidono Cristiani, Yazidis ed altri che non accettano sottomissione e conversione forzata; la stessa sorte tocca a quei musulmani che osano contestare tale cieca violenza.

Questo scenario inimmaginabile rende ancora più inquietante la marea montante di intolleranza e di odio settario in nome abusivo della religione, che sta seminando disperazione e morte in Medio Oriente e Nord Africa.

S.E. Sheikh Majid Hafeed,  leader religioso musulmano del Kurdistan Iraqeno  e Presidentre Onorario di Religions for Peace International, e Sua Santità  Louis Raphael Sako, Patriarca Caldeo Cristiano di Baghdad e Co-Presidente di Religions for Peace International hanno chiesto con forza il sostegno e la protezione delle comunità perseguitate.

In tutto il mondo leader religiosi e personalità che hanno a cuore la dignità della persona umana ed il diritto fondamentale della libertà religiosa si sono pronunciati affinché la comunità internazionale, attraverso le sue istituzioni e tutti i mezzi a sua disposizione, contrasti  i massacri ed ogni altra violenza sulle persone e sui luoghi di vita e di culto.

Numerose iniziative di preghiera continueranno a svolgersi in molti paesi.

La Conferenza Episcopale Italiana ha promosso per il 15 Agosto, Solennità dedicata all’Assunta, una giornata di preghiera per risvegliare le coscienze rispetto a tali drammatiche persecuzioni, molto più pesanti, come ha sottolineato Papa Francesco, rispetto a quelle subite dalle comunità cristiane dei primi secoli sotto l’Impero Romano.

Noi di RELIGIONS FOR PEACE/ITALIA invitiamo i seguaci di tutte le tradizioni religiose e le persone di buona volontà ad unirsi in una preghiera concorde che, pur nella diversità di modi e di linguaggi, salga al cielo per invocare salvezza per i perseguitati e luce per i persecutori oggi accecati dall’odio.